Come avrete potuto notare il fine settimana appena trascorso è stato per me di pausa dal blog. Mi sono infatti concessa due giorni di relax con amici e parenti in Trentino Alto Adige.

Ieri siamo stati a fare una passeggiata sulla neve sulla montagna di Plose, nei dintorni di Bressanone, anche con i miei cari nipotini di 2 e 5 anni.

IMG_2151

IMG_2208

IMG_2292

 

Fra un tiro di palle di neve e l’altro, abbiamo pensato di fare qualche foto per condividere un outfit da tempo libero.

Vorrei premettere che non è facile, per chi ha un po’ di chili in più, trovare dell’abbigliamento tecnico che possa vestire bene. Essendo fatta a pera, la mia difficoltà principale sta nel trovare pantaloni, per ogni stile e occasione. Figuriamoci che fatica trovarne di tecnici! Ma per fortuna, continuando imperterrita a scandagliare gli stendini di alcuni negozi, l’anno scorso da Sportler, in saldo, sono finalmente riuscita ad acquistare quelli che ho indossato ieri, che sono quasi perfetti.

IMG_2197

IMG_2177 (2)

Con elastico in vita e utili tasche con zip nastrocoperte (e quindi impermeabili), i mie pantaloni tecnici sono McKinley taglia 48IT, in 48% poliammidica, 43% cotone e 9% elastan. Mi vanno bene grazie al tessuto, che è molto elastico, e alla vestibilità con la gamba abbastanza ampia. Al fondo hanno una coulisse da stringere per evitare che possano salire e far entrare neve o acqua. Sono impermeabili (già testati) ma molto traspiranti, e questo mi permette di indossarli anche nel tempo libero, senza doverne necessariamente sfruttare la componente tecnica.

IMG_2182

IMG_2170 (2)

Purtroppo in genere nelle taglie grandi o plus size non viene offerta un’ampia gamma di colori. Per vivacizzare quindi il nero ho abbinato una maglia bianca collo alto con zip in pile Champion, taglia L.

lancio palla di neve

La sciarpa con frange grigio melange è 100% cashmere, senza marchio. L’avete già vista nel post Grigio e giallo: come ravvivare l’inverno. Andando via il weekend senza sapere esattamente che cosa avrei fatto ma volendo mantenere la valigia il più leggera possibile, ho portato con me dei pezzi intercambiabili per le varie occasioni d’uso, e una sciarpa morbida dal colore neutro è uno di questi.

IMG_2188 (2)

Lo stesso discorso vale per la borsa. Questa si può definire un po’ la mia borsa da turista: piccola ma capiente, compatta, con molti scomparti e due tasche porta bottiglia ai lati, impermeabile, risulta ideale quando si devono portare via diverse cose, restando libera nei movimenti, ma senza avere troppo spazio per rischiare di avere peso in eccesso inutile. Anche questa fa parte dei miei souvenir portabili: acquistata a Parigi, è del marchio giapponese Uniqlo di cui vi ho già parlato. L’ho presa in saldo nel reparto accessori uomo: ha infatti un design molto sobrio ed è pratica, proprio quello che cercavo!

IMG_2223

Ieri il sole scaldava, e quindi in certi momenti ho tolto la giacca, ma di certo non bastava soltanto una maglia, soprattutto all’ombra!

IMG_2226

Il look completo prevedeva infatti un giubbino imbottito.IMG_2269 (2)

Questo piumino leggero è di Salewa, acquistato in saldo due anni fa presso la catena Game 7 Athletics. In piuma d’anatra ed esterno in poliammide , taglia 48, è molto comodo perché tiene caldo ma è davvero poco ingombrante, e può essere facilmente ripiegato in un piccolo sacchetto, quando fa caldo.

IMG_2282

IMG_2278 (2)

Nella giornata di ieri c’era un bellissimo sole e con il riverbero della neve gli occhiali con lenti scure erano d’obbligo. Anche il berretto, soprattutto all’ombra, serviva. Questo è senza marchio, con pon pon in lapin rex.

accessori

Gli occhiali da sole sono F a s t copy made in Italy. Gli scarponi Asolo. Gli orecchini a forma di ali d’angelo sono un mio souvenir portabile, acquistati ad Hong Kong, senza marchio.

attacco alle donne

Ringrazio il mio nipotino Max che si è divertito a tirarmi le palle di neve. 😉

Ringrazio Daniela Donolato per le foto e per avermi portato in questo splendido posto.

Per chi volesse: rifugio Schatzerhütte a Eores (maggiori informazioni qui ).

Inoltre vi consiglio di leggere...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *